Serchio Country Race IV /// December 7th 2014
Camera: Cello /// Oregon Scientific ATC 9K
Editing: Cello
Rider: Cello /// Legnano Gran Premio
Music: Angelica Mariner /// Kilowatt Whale /// On Failure And Consumption (2007)

 

Words by Fisto

A few years ago they began talking me about Lucca and the strange races held at night after sausages and beers; or in winter, with ice and the risk of losing your limbs, and about the Cuoco’s soup. Then they led me to those races and put a bike under my ass. And I know that there was a reason. After a while I would be asked to help organize races. They brought me where I needed to learn.

I still see myself as a little boy with big and shiny eyes due to emotion while my friends showed me: that is Fano, IL Capitano garfagnino, those are the Gori brothers, that’s Guido Casbah …

And I ate the soup, and looked at the fie (girls) and I wondered if one day I’d have been on their side, if one day I would have deserved the soup and the estimation of the fie.

And then you start pedaling and swearing with your buddies, hating the bike they put under your ass. And you meet a lot of wags from all over Italy who will become like a second family; and we meet like relatives during the holidays: all came out from that endless pit of disadvantaged that is the fixedforum.

How it comes how it goes came the Serchio Country Race IV, which as mentioned above is our birthplace, our Xmas. Last year I almost died trying to keep up with Riccardone and Cello, and then I gave it up and I’m dead. But this year I’m coming experienced, I didn’t spent last year with idle hands. For the umpteenth time I knew it was worthwhile to come. But not immediately, because on Saturday night it rains, fuck, it always rains in Lucca, and I took downpours while riding to the castle and back and I got pissed! But then the wild boar I ate in the city center set me back on foot.

Sunday I kissed my baby and took the way to Nozzano, riding my new tractor. The castle, the parking, they were all there, my youth’s myths, the degenerates’ camper from Bologna, the dogs, the fellas from Roma, from Russia, from La Spezia, from Milano, from Lodi, from Brescia, from Arezzo, from Pisa, from Sardinia and so on … Christ, how many are we?

I calm down the tension drinking Finnish Death and playing “Musta kreivi”. But now let’s stop bullshit. Fano leads us to the start line and gives us the maps. And when you look at the maps of the Serchio Country Race you already know its whole length. I put some music on and Go! We are seven Cani Sciolti at the start, seven! First check is linear, along the river. We run, we take our breath and warm up the legs. I see when they pass me by, those who ride bicycles for real, another cadence… But I am a beautiful bastard, too, you will see I will not give up until the end. The group of Cani is already divided. Save “Mr. Skyrunner”, driving my lovely Battaglin, sucks the wheel of the first group, Jacopo who left behind Vara struggling with his chain issues, Guido, good and beautiful, and Pagha that wants to win. Cello and Clava try to auto-eliminate themselves at the first turn; I call them saying “This way!” and maybe that convinced them to keep going… Alberto grunts leading the pack. Then down fast (maybe!) on a bike path towards Ripafratta where we finally start to feel the taste of mud. The image of Fabione in font of me will be the constant of the day, and I struggle to take his wheel, the whole race I will struggle without never being able to lead. We even meet our women on the path, they are going to Lucca to a wine tasting, them that are not fools. Here we are in Ripafratta: the locals run up ‘cause they know it, we look around a bit and then Gori kicks our asses up on a path, bastards. It will be a 1km muddy uphill walk with Fano laughing at the top and us swearing on his camera. Clava and Cello reach me, then they bomb down. After I remember the climb where I greet my Cani friends, they go, I limp, and someone on ss dismounts and pushes. On the top I meet Save and Jacopo, they took the wrong way, just in time to bring me in a forest over a cliff. No guys, fuck! I have already lived it last year, let’s go back! And the group of young marmots was back on its path. The descent of the olive tree grove is cool, I let it rip. Alberto’s chain keeps falling off, Save ripped his tire. I laugh, I’m a fucking bad cyclist, my best is downhill. From now on memories are confused. Massaciuccoli, the guys of the Virgin Mary chapel… Mud, grass, embankments, bridges. To the checkpoint of the van: one two three, grappiakky, beer and mulled wine. We restart, ahead of us there is the Wolf, here is my race. I’m riding with Fabione from the start, he drove me so bad, we reach the head of a small group, we are agile and lean. Except that I lead him on a wrong turn, and again we must chase down. It is almost over. Come on! The dirt road ends and then the it turns left on asphalt toward the soccer field. But I, who have the sense of direction of a snowman, took a left turn too early, entering the courtyard of a house. “No turning back, that’s for sure,” – I say while I run beside my former cronies but separated by a high net and moving towards a locked gate. Me in, them out. I hike my bike and overpass the net in its lower point while the others go straight away! But I look at the map, and I think I have already been there, I’m sure. In fact, I turn left and head to the finish line to take my 11th place (perhaps 9th). I cross the line exclaiming “I won!” and people look at me as if to say “oh, well well …” but I am what I am, I always create my own personal challenges. I wave Cello, Clava and Pagha that are all well placed. It’s two o’clock, we’ll have to drink beer until dinner … I’m so happy. The post-race was beer, soup an the best awards ceremony ever seen. I think we were more than 80 people, a chaotic throwing of all sort: mandarins, oranges, peanuts, bananas. Each edible award were chopped, except for the harangue that Ila won, which I wisely hide in my girlfriend’s bag. Before leaving the hall of the festivities we have filled the bottle of beer. Dens filled the camelbak, he can. There was the moon and the castle. Ah yes, from 9pm until unspecified time I drank grappa and played table soccer at the bar of Nozzano with my friends. While riding back to the hotel by bike I fell down.

NB: to organize any memorable event, ask the BC / BS / BROTHERS.

Fisto

 

A me qualche anno fa cominciarono a parlare di Lucca e di strane gare fatte di notte dopo salsicce e birre o in pieno inverno con ghiaccio e rischio di perdere gli arti, e della zuppa del cuoco. Poi mi ci hanno portato a ‘ste gare e mi hanno messo sotto il culo una bici. E lo so che un motivo c’era. Da lì a poco mi avrebbero chiesto di aiutare ad organizzare delle gare. Mi avevano portato dove dovevo imparare.

Mi vedo ancora ragazzetto con gli occhi grandi grandi e lucidi per l’emozione mentre i miei amici mi indicano, quello è Fano, IL capitano garfagnino, quelli sono i fratelli Gori, quello è Guido casbah…

E mangiavo la zuppa, e guardavo le fie e pensavo se un giorno sarei mai stato anche io al loro fianco, se anche io un giorno me la sarei meritata la zuppa e la stima delle fie.

E poi cominci a pedalare e bestemmiare coi tuoi amichetti che te la fanno odiare la bici che ti hanno messo sotto il culo. E incontri un sacco di mattacchioni da tutta Italia che diventeranno un po’ una seconda famiglia e ci si incontra come coi parenti alle feste comandate, tutti usciti fuori da quel pozzo senza fine di disagiati che è il fixedforum.

Come va come non va è arrivata la Serchio Country Race IV, che come già detto è il nostro natale. L’anno scorso quasi muoio a cercare di stare dietro a Riccardone e Cello e poi li ho mollati e son morto. Ma quest’anno arrivo preparato, non sono stato con le mani in mano. Per l’ennesima volta capisco di averci azzeccato a venire. Non subito però perché sabato sera piove, piove sempre cazzo a Lucca, e me la prendo andata e ritorno hotel-castello e mi girano i coglioni! Ma poi il cinghiale mangiato in centro mi rimette a posto.

Domenica vestito di tutto punto do un bacio alla bella e via verso Nozzano in sella al mio nuovo trattore. Il castello, il parcheggio ed eccoli tutti lì, i miei miti giovanili, il camper del degenero bolognese, i cani, i romani, i russi, gli spezini, i milanes, i lodigiani, i bresciani, gli aretini, i pisani, i sardi e via così… Cristo ma quanti siamo?

Placo l’emozione bevendo morte Finlandese e mettendoci sotto “Musta kreivi”. Bon basta cazzate. Fano ci accompagna alla partenza e ci dà le mappe. Ecco tu guardi le mappe della Serchio e già capisci la distanza che c’è. Metto un po’ di musica e Via! Siamo sette canisciolti alla partenza, dico sette! Primo check lineare lungo il fiume. Si corre, si fa il fiato, si scalda la gamba. Li vedo subito quando mi passano di fianco quelli che vanno in bici davvero, un altro passo. Ma anche io sono bello bastardo, vedrete che non mollo fino alla fine. Il gruppo dei cani è già in ordine sparso. Save “Mr Skyrunner” alla guida della mia amata Battaglin succhia la ruota dei primi, un bresciano (Jacopo?) che ha abbandonato Vara alle prese coi suoi problemi di catena, Guido là davanti, bravo e bello, e dietro Pagha che la vuole vincere. Cello e Clava provano ad auto eliminarsi al primo svincolo, li chiamo dicendo “è di qua!” forse questo li ha convinti a tirare dritto.. Alberto grugnisce in testa al gruppo. Giù a cannone (magari!) verso Ripafratta su una ciclabile di terra dove finalmente comincio a sentire il sapore del fango. L’immagine davanti a me di Fabione sarà la costante, e io fatico a prendergli la ruota, tutta la gara farò fatica senza riuscire a spingere mai. Incontro anche le nostre donne sulla ciclabile, stanno andando a Lucca ad una degustazione di vini loro che non sono stronze. Eccoci a Ripafratta i local sparano su che la conoscono, noi ci guardiamo un po’ in torno poi il Gori ci manda a calci nel culo su per un sentiero, maledetti. Sarà un Km di salita fangosa a piedi con Fano che se la ride in cima e noi che gli bestemmiamo in camera. Mi raggiungono anche Clava e Cello, poi giù sparati in discesa. Poi mi ricordo della salita dove saluto i miei amici cani che vanno, io arranco, qualcuno in ss scende e spinge. In cima ritrovo Save e Jacopo che avevano sbagliato strada giusto in tempo per farmi portare ancora in un bosco sopra un dirupo. NO! Ragazzi cazzo io l’ho già vissuta, torniamo indietro! E il gruppetto di giovani marmotte torna sulla propria strada. La discesa dell’uliveto è una figata, mi lancio tutto quello che va. Alberto ha scatenato, Save ha squarciato un copertone di quelli belli. Io rido, sono un ciclista del cazzo il meglio lo do in discesa. Qui i ricordi si confondono. Massaciuccoli, quelli della madonna che stavolta ci vedono un attimo più tranquilli rispetto l’anno prima. Fango, erba, argini, ponti. Al check del furgone un due tre, birra grappiakky e vin brulè. Ripartiamo, davanti c’è il Lupo, eccola la mia gara. Io sono in treno con Fabione dall’inizio, mi ha tirato di brutto, passiamo in testa al gruppetto, siamo agili e snelli noi. Solo che io gli faccio sbagliare strada, e ancora giù a inseguire. Manca poco. Dai! Finisce lo sterrato poi si gira a sinistra su asfalto verso il campo. Ma io che ho il senso dell’orientamento di un pupazzo di neve giro a sx un poco prima entrando nel cortile di una casa. “Indietro non si torna questo è poco ma sicuro” mi dico mentre avanzo parallelamente ai miei ex compari ma separato da una alta rete e verso un cancello chiuso. Io dentro loro fuori. Scendo dalla bici e scavalco dove la rete è bassa mentre gli altri via dritti! Ma io guardo la mappa, e di lì son già passato son sicuro. Infatti giro a sinistra e mi dirigo in solitaria a prendermi il mio 11° posto (dicono forse 9°) arrivo esclamando ho vinto, e la gente mi guarda come per dire “mah insomma…” ma io son così, me le creo su misura le sfide. Saluto Cello, Clava e Pagha che si son piazzati bene. Sono le due, ci toccherà bere birra fino all’ora di cena… Sono tanto contento. Il post gara è birra, zuppa, premiazione con i premi migliori mai visti. Saremo che ne so 80 e più persone, un casino si lancia di tutto, mandarini, noccioline, banane. Ogni premio commestibile viene tritato, tranne l’arringa di Ila che ci regala e vedo bene di nascondere nello zaino della morosa. Prima di lasciare la sala dei festeggiamenti abbiam riempito la borraccia di birra. Dens si è riempito il camelbak, lui può. C’era la luna e il castello. Ah sì poi dalle nove fino orario imprecisato ho bevuto grappa e giocato a calcetto al bar di Nozzano con i miei amici. Tornando in hotel in bici sono caduto.

NB:  per organizzare un evento storico chiedere ai BC/BS/BROTHERS.

Fisto

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *