Words by Clava / Pictures by Clava & Cello

 

Dopo aver spinto le nostre bici da viaggio fino ai piedi del passo del Muretto, dove un nevaio ci ha sbarrato la strada per Monaco, siamo tornati a casa.

Passato un giorno trascorso a vagare tra le mura domestiche come persone sottoposte a TSO, ci siam chiesti: “Ma perché non andiamo da qualche parte a spingere anche le nostre MTB?
“Si può fare, ma dove?”
“Che domande! Basta aprire la porta di casa e ti ritrovi in faccia quel muro che da tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude: Prealpi Orobie!”
Pendii scoscesi, valli chiuse e ostili, restie alla presenza umana, poco socievoli, gnucche e cocciute; ma noi siamo i loro figli e il frutto non cade mai molto lontano dall’albero e quindi giù a testa bassa e peso in avanti a spingere la bici su sentieri fatti per vacche e capre. Ogni tanto alza lo sguardo, guarda in alto ”Dai che forse spiana!”.
Quel che conta è in un modo o nell’altro far fatica. Se non si arriva a casa la sera distrutti non si è contenti, mica bello, altrimenti che ti alzi dal letto la mattina a fare?

“A füria de dac” siamo arrivati alla casera di Stavello (1900m).
– “Dai che si scende!! Che sciallo tipo!”
– “Come cazzo parli!?! Se ti sente il casaro!”
Punta bene i piedi sui pedali e giù in picchiata coi nervi tesi a tirare le leve dei freni e a stringere le chiappe: sarà per questo che le capre la fanno a pallini?

Alla fine si arriva in baita a Castello: “Che bel faccìn, che rizzulìn, che bèla tusèta, l’è ‘na gerölaaaa, l’è ‘na geröööööölaaaa”

 

 

After pushing our touring bikes to the bottom of the Muretto Pass where a snowfield blocked our road to Munich, we got back to our homes.

Later that day, wandering between our domestic four walls like people under Involuntary Psychiatric Treatment, we asked ourselves: “Why not going somewhere pushing our mountain bikes as well?”
– “Yes, but where?”
– “What a question! Just open the door and you’ll find that wall that excludes the horizon from your sight: Prealpi Orobie!”
Steep slopes, narrow hostile valleys, reclutant to human presence, unfriendly, stubborn and pig-headed… But we are their sons and the fruit always falls not far away from its tree, then let’s go head down pushing the bike on trails made for cows and goats. Every now and then raise the glance: “Come on, maybe it will flatten out!”
Struggling is all that matters. If you don’t get back home exhausted you’re not happy, not nice, otherwise why are you waking up in the morning?

“A füria de dac” we arrived at Casera di Stavello (1900m).
– “Now it’s downhill! Ease down bro!”
– “What’s that fucking language?!?! What if the dairyman hears you?”
Plant your feet and go down nosedive, with tense nerves pulling your brake levers and squeezing your butt cheeks: that’s maybe the reason why goats do it in little balls???

And finally we’re in the mountain hut in Castello: “Che bel faccìn, che rizzulìn, che bèla tusèta, l’è ‘na gerölaaaa, l’è ‘na geröööööölaaaa”

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *