Words by Ciki / Pictures by Clava & Ciki

I don’t like to make plans, I believe that the best things in life come unexpected. Of course, these days, in order to make the most out of anything planning is necessary, but still, whenever I get the chance I love to be spontaneous, let it go and just follow the flow.

For this reason when on Wednesday I got the text message from Gio “Never felt pain in the legs” Mullez the choice was plain: <<Finale Ligure, this weekend, with the dogs. We leave on Thursday evening, are you in?>>. While reading the message a bright YESSS! was already shining in my mind.

 

— Day 1 —

 

— Day 2 —

Boom! And there we go, as usual, when having fun, the time flies by at the speed of light and it’s already day 2 and we’re pedaling our way up towards Alta via dei monti liguri – yes, once again – but this time with a clear priority, bomb some of the legendary single tracks of Finale.  After a quick breakfast where we managed to drain the croissant reservoir of the bar, we had to leave Ilaria behind since she was out of games due to her injured knee. We started the climb on the asphalt but after few kilometers the noise coming from the tires stopped and we began to ascend surrounded by woods following a wide cross country dirt road. Before leaving the last inhabited outpost we paused to refill our bottles with water and we saw the shuttles with the racks fully loaded of well aligned 160 mm forks, we knew we were in the right place. After one hour or so with only few legs cutting slopes we met Alta via dei monti liguri at Madonna della Neve’s Chapel and as the day before the fog was there to welcome us one kilometer above sea level. We continued on the asphalt since Alta via dei monti liguri joins the main road for a while, right before Melogno we found a small tavern and we thought was a great time for a cup of hot tea.

In front of a tasteful cake we started to wonder where to go next. But if you don’t plan well your journey, don’t have a gps track to follow and don’t exactly know where you want to go there is only one chance to get in the right spot, you have to be incredibly lucky. Guess what? We got that! It happened that on the wall right in front of our table there was a beautiful map with all the best DH trails of the area hanging there for us. I immediately spotted a tortuous 9 kilometers long red line descending a ridge right below our position and called for it, but luckily my wiser fellow adventurers were oriented towards another trail starting just across the next valley and I had to agree: <<Ok guys, it’s called extasy, can’t be anything less than good, let’s go for it!>>.

Soon we drifted left from the main road, always following Alta via dei monti liguri and in a matter of seconds we were crossing a beautiful beech forest immersed in a surreal atmosphere. The trees were sprouting and ardent green light was scattered all around and also the fog turned green. I was thinking that I hadn’t felt such a peaceful feeling since a long time and I was enjoying the healing vibes coming from the nature when Clava suddenly exclaimed: <<It seems that the trees are sweating chlorophyll into the air! >>, and he was right, there is no better way to describe that atmosphere.

We were still contemplating the beauty of that environment when we stumbled in an unexpected intersection, and of course nobody had a clue where to go. After silently swearing for few seconds Clava popped out the map from the backpack but it didn’t help either since it was impossible to distinguish the two paths, anyway one was an open access road while the other was barred by an iron gate. Well, also this time the choice was plain.

We proceeded smoothly as the road winded through the woods, after roughly half an hour we approached a sharp turn, it was the signal, and we knew that the start of the single track was somewhere there between the trees hidden by the fog.  We patrolled the road back and forth many times but it was impossible to spot the track, after fifteen minutes we heard the voice of Mullez coming from afar << Got it, it’s here>>, back on the saddle we headed in that direction and we found him sitting in the woods already enjoying his lunch.

With our hunger sated and a perfect single track unwinding in front of us we were pumped. I was still locking the backpack when I saw the Mullez hitting the trail. The first section was incredibly wet and slippery but still super smooth and was easy to keep a nice flow. Later things got more technical with a larger number of obstacles approaching and it was an endless sequence of rocks, steps, roots and turns in an ever changing scenario. From that point the only thing I remember are the sensations, attunement with the new bike suddenly felt perfect, mind was empty and the grin on my face was growing larger and larger. So far the best trail ever for all of us, at the end we were like three seven years old kids after the first ride on a rollercoaster. After thirty minutes of almost uninterrupted action we were just smiling and staring at each other’s as the concentration of neurotransmitters in our brain was at full scale. We started pedaling on the way home and we realized we were effortlessly overcoming every slope, endogenous drugs are the best. We grinded the last few kilometers that separated us from Finale Ligure where we met Ilaria, perfect timing for a Spritz on the seaside.

 

 

— Day 3 —

Right before opening my eyes and regain complete consciousness I was aware that I had already spent two days on the bike, the message from the body was clear, a funny pleasant fatigue ruled by endorphins.

We all agreed that the flat priced – all you can eat – buffet provided by our accommodation was the best option for breakfast since we were hungry as wolves. While devouring the feast of bread, butter, marmalade, tea, milk, coffee, honey, fruit, cereals and yogurt we started to plan our last day. Soon we realized we had a major constrain as the last useful train back to Milano was leaving at 4:15 PM from Finale Ligure and that the usual cani sciolti’s strategy could have been very risky since usually results in a late comeback at night with the forehead lights on.

Since we were still stoked from the exciting descent we made the day before the outcome was a unanimous decision, we agreed to explore the eastern border of Finalese and then exploit one of the many beautiful trails ending on the seaside of Varigotti. As we did on the first day we started pedaling towards the roman road Via Iulia also known as via dei ponti romani, but at the main crossroad instead of turning left in the direction of the beloved Colla san Giacomo we headed right in the direction of Bric dei Corvi. 

Reaching the peak wasn’t a big effort since the height gain was of about 500 meters, nonetheless we managed to engage the wrong path at least a couple of times in order to keep things exciting. From there the first part of the descent was super flowy, a nice single track of compact dirt with a lot of parabolic turns. Than through a net of interconnected trails we reached the ridges towering above Varigotti and a stunning view of the sea suddenly appered right in front of our eyes. With the beautiful sight ahead and the perfect trail of small white rocks beneath my wheels I was really having a good time when all of a sudden I heard Clava swearing loudly from behind. The first thing that came up to my mind was <<Ok, he must have crushed hard and now is dead>>, so we stopped and waited a few seconds to get a clue about what was going on. After five seconds Clava spawned from the last turn of the trail, nicely riding his bike with a big smile on his face. Quickly I asked <<Are you ok?>> and he calmly answered <<Yes, why?>>, << We were concerned since we heard you shouting blasphemies.. >> so he said <<Aaaah! It’s because of the see, it is very beautiful>>, << … >>. We began to laugh out loudly and it took a while to recover and get on the pedals again.

Not far from that point the trail became steeper and divided in two distinct segments, one running down the very steep side of the hill on the left and another smoothly descending the flatter right side.  In a blink of an eye Gio took the steep path and we were left with no other choice but to follow him. At the beginning the trail was very nice, large turns seemed painted in the maquis shrubland and small well placed jumps were keeping it fun. But things changed quickly as the trail got much steeper and the obstacles got huge and technically demanding. In the middle of our way down we met another biker and after few words we finally realized we were riding DH uomini, the downhill trail for men competitions. It’s a tough descent, and probably we would have appreciated more the easier DH donne, now easily spotted right on the next hill side, surely more suited to our skills. Anyway it has been a great experience, since not every day you get the chance to put the wheels on a track of the enduro world series.

Once back on the coastline was easy to return in Finale Ligure, where once more we met Ilaria. With less than a couple of hours left we spent most of the time at the beach, Ila and Clava took the chance to bath in the sea for the first time of the season while me and Mullez preferred chilling out with an ice cold 66 cl Moretti beer. On the way back to Milano the train was quite crowded, the situation got even worse when it broke down and we had to transfer on another train. At the end the three hours travel wasn’t that bad, time passed quickly chatting and eating the last supplies of food recovered from the bottom of our backpacks. We greeted each other before entering Milano central station as everybody had to rush in order to get the next train. I knew I had to pass the night in Milano, so I let the entire crowd that just got off the train to dissolve away before getting my ass back on the saddle and slowly ride my bike back at my place. While pedaling on the way home I was amused thinking how funny existence can be, in the morning I was lost in the woods of Ligurian Alps and then, only few hours later I was riding my trail bike in one of the main avenues of Italy’s biggest metropolitan area, it felt so unreal but also gave me the chance to see things from a privileged perspective, an opportunity that we are rarely blessed to experience.

 

 

 

Non mi piace pianificare troppo, credo che le cose migliori arrivino all’improvviso. Sicuramente, ora più che mai, per sfruttare al meglio qualsiasi occasione è necessario avere un piano, tuttavia, quando ne ho l’occasione, adoro essere spontaneo, lasciarmi andare e farmi trasportare dal flusso degli eventi.  Per questo motivo quando Mercoledì mi è arrivato il messaggio da Gio “Mai sentito dolore alle gambe” Mullez la scelta è stata banale: <<Finale Ligure, questo weekend, con i cani. Si parte Giovedì sera, ci sei?>>.  Mentre stavo ancora leggendo il messaggio nella mia mente aveva già preso forma la risposta: CI SONO! — Secondo Giorno — Boom! Eccoci qua, come il solito, quando ci si diverte, il tempo passa alla velocità della luce, è già il secondo giorno e stiamo pedalando in salita, direzione alta via dei monti liguri – sì, di nuovo – ma questa volta con una chiara priorità, bombarci qualche leggendario single track di Finale.  Dopo una rapida colazione, durante la quale siamo riusciti comunque a decimare la riserva di croissant del baretto, abbiamo salutato Ilaria che non ha potuto seguirci a causa dell’infortunio al ginocchio. Abbiamo attaccato la salita sull’asfalto, ma dopo alcuni chilometri il fastidioso eco degli pneumatici è cessato e abbiamo iniziato a inerpicarci circondati dal bosco, seguendo un’ampia strada sterrata in stile cross country. Prima di abbandonare l’ultimo centro abitato abbiamo fatto una sosta per riempire le borracce, durante la pausa abbiamo notato gli shuttle con le rastrelliere stracolme di forcelle da 160 mm perfettamente allineate, abbiamo capito di essere nel posto giusto. Dopo un’oretta di salita, con solamente qualche strappo spacca gambe, abbiamo raggiunto l’alta via dei monti liguri all’altezza della cappella della Madonna della neve, come il giorno precedente la nebbia era lì ad attenderci, un chilometro sopra il livello del mare. Per un breve tratto abbiamo proseguito sull’asfalto, dove l’alta via dei monti liguri si fonde con la strada provinciale, appena prima di raggiungere Melogno abbiamo incontrato una piccola taverna e l’occasione ci è parsa perfetta per berci una tazza di tè caldo.  Con un’appetitosa fetta di torta tra le mani abbiamo iniziato a interrogarci sul da farsi. Tuttavia se non pianifichi l’uscita, non hai una traccia GPS da seguire e non hai nemmeno perfettamente chiaro dove vuoi andare, esiste solo una modo per finire nel posto giusto, fortuna, tanta fortuna. E indovinate… fortuna fu!  Presto ci siamo accorti che appesa al muro, giusto di fronte al nostro tavolo, spiccava una bellissima mappa con tutti i sentieri DH della zona. Istantaneamente ho adocchiato una sinuosa linea rossa, 9 chilometri di discesa lungo una cresta appena sotto la nostra posizione e ho lanciato la proposta. Fortunatamente i miei saggi compagni di avventure erano già orientati verso un altro sentiero appena oltre la vallata e non ho potuto oppormi: <<Va bene ragazzi, si chiama extasy, come minimo dev’essere una figata, andiamo!>>. Dopo poco abbiamo lasciato la strada provinciale per continuare sull’alta via dei monti liguri, nel giro di alcuni istanti ci siamo trovati ad attraversare una meravigliosa faggeta immersi in un’atmosfera surreale.  Gli alberi stavano germogliando e una luce verde ardente veniva diffusa tutt’attorno, persino la nebbia stava diventando verde. Stavo pensando che da molto tempo non provavo una sensazione di pace così profonda e mi godevo le salubri vibrazioni della natura quando tutto d’un tratto ho sentito il Clava esclamare: << Sembra che gli alberi trasudano clorofilla! >>, e aveva ragione, non esiste modo migliore per descrivere quell’atmosfera.  Mentre eravamo ancora intenti nel contemplare la bellezza di quell’ambiente ci siamo imbattuti in un crocevia inatteso, inutile dire che nessuno avesse la più pallida idea di dove andare. Dopo aver imprecato a denti stretti per alcuni secondi, il Clava ha materializzato una mappa dallo zaino, ma nemmeno questa mossa ha risolto la situazione, dato che non era possibile distinguere i due percorsi. Ad ogni modo, mentre una via era sgombra da ostacoli e di libero accesso, l’altra era sbarrata da un grosso cancello di ferro, appena ci siamo resi conto di questo fatto la scelta è stata banale. Per un po’ il viaggio è proseguito senza intoppi, con la strada che si svolgeva piacevole attraverso il bosco misterioso. Dopo circa mezz’ora abbiamo incrociato una curva a gomito, era il segnale, sapevamo che l’accesso al single track era disperso da qualche parte tra gli alberi, occultato dalla nebbia. Abbiamo scandagliato la strada, avanti e indietro, per molte volte, ma era impossibile individuare il sentiero. Dopo quindici minuti abbiamo sentito il Mullez chiamarci da lontano <<Trovato, è qui>>, tornati in sella ci siamo diretti in quella direzione, lo abbiamo trovato seduto tra gli alberi, già intento a consumare il suo pranzo.  Finalmente sazi e con un single track perfetto davanti a noi eravamo carichi. Stavo ancora chiudendo lo zaino quando ho visto il Mullez attaccare il sentiero. Nonostante la prima sezione fosse allagata e particolarmente viscida era facile tenere un buon flow. Più avanti il sentiero si è fatto più tecnico e un maggior numero di ostacoli ha iniziato ad avvicinarsi ad alta velocità, è stata una sequenza interminabile di sassi, gradini, radici e curvoni in uno scenario in continua metamorfosi. Da quel momento mi ricordo solamente le sensazioni, improvvisamente il feeling con il nuovo mezzo era perfetto, la mente sgombra da qualsiasi pensiero mentre sul mio volto compariva un ghigno sempre più pronunciato. Sino ad ora questo è stato il miglior sentiero di sempre per tutti noi, alla fine sembravamo tre bimbi di sette anni appena scesi da un giro sulle montagne russe. Dopo circa mezz’ora di azione ininterrotta eravamo lì, con i denti in bocca e la concentrazione di neurotrasmettitori al massimo. Dopo aver iniziato a pedalare verso casa, abbiamo improvvisamente capito che stavamo superando qualsiasi salita senza il minimo sforzo, il doping endogeno è sicuramente il migliore. Abbiamo macinato gli ultimi chilometri fino a raggiungere Finale, dove ci siamo ricongiunti con Ilaria, timing perfetto per uno Spritz sul lungo mare.  — Day 3 — Appena prima di aprire gli occhi e riprendere completamente conoscenza ero consapevole di aver già passato due giorni sulla bicicletta, il messaggio proveniente dal mio corpo era chiaro, una divertente sensazione di indolenzimento dominata dalle endorfine. Affamati come lupi abbiamo deciso all’unanimità che il buffet a prezzo fisso, fornito dalla nostra sistemazione, era l’opzione vincente per la colazione. Mentre il banchetto di pane, burro, marmellata, tè, caffè, latte, miele, frutta, cereali e yogurt veniva sbranato abbiamo iniziato a pianificare la giornata. Ben presto ci siamo resi conto che un vincolo pesante incombeva sulle nostre attività, l’ultimo treno utile per Milano lasciava la stazione di Finale Ligure alle 4:15 del pomeriggio, in questo caso la classica strategia dei cani sciolti era oltremodo rischiosa, difatti, solitamente, il risultato è il rientro a notte fonda con le luci frontali.  Siccome eravamo ancora euforici per la discesa del secondo giorno, il risultato fu un’altra decisione unanime, esplorazione del confine orientale del Finalese e discesa lungo gli allettanti sentieri che sfociano sul lungo mare di Varigotti. Come il primo giorno la nostra escursione ha preso il via in direzione della Via Iulia, strada romana nota anche come via dei ponti romani.  Questa volta all’incrocio principale non abbiamo preso verso sinistra verso l’amata Colla san Giacomo ma, virando verso destra, abbiamo intrapreso la strada sterrata che conduce al Bric dei Corvi.  Raggiungere la sommità non è stato particolarmente faticoso, di fatto il dislivello positivo si aggirava attorno ai 500 metri. Tuttavia, per non perdere il vizio, abbiamo imboccato almeno un paio di volte la traccia sbagliata. La prima parte della discesa è stata molto scorrevole, un sentierino molto facile ma veloce caratterizzato da molte curve paraboliche e toboga. In seguito, attraverso un reticolo di sentieri interconnessi, abbiamo raggiunto le creste che torreggiano su Varigotti, in quel momento davanti ai nostri occhi si è aperto un’incredibile scorcio sul mare. Con il panorama mozzafiato di fronte e il sentiero perfetto sotto le ruote mi stavo veramente godendo la discesa, quando, tutto a un tratto, ho sentito Clava bestemmiare a gran voce alle mie spalle. La prima cosa che mi è passata per la mente è stata: <<Ok, si è schiantato ed è morto>>, così ci siamo fermati e abbiamo atteso alcuni istanti per cercar di capire cosa fosse successo. Dopo cinque secondi eccolo sbucare dall’ultima curva lungo il sentiero con un sorriso sgargiante, subito gli ho chiesto <<Tutto bene!?>> e lui, senza batter ciglio, ha risposto: <<Si, perché?>>, <<eravamo preoccupati, dalle grida pensavamo ti fossi ammazzato… >> e lui, candidamente: <<Aaaah! E’ perché ho visto il mare, è molto bello>>, << … >>. Abbiamo iniziato a ridere e per un po’ non c’è stato modo di tornare sui pedali.  Non molto più avanti la pendenza ha iniziato ad aumentare e il sentiero si è diviso in due segmenti distinti, uno che scende dal lato più irto della collina, verso sinistra, e un secondo più mansueto che perde quota seguendo il versante destro. Inarrestabile il Mullez si lancia verso il sentiero più ripido, senza lasciarci altra possibilità se non quella di seguirlo. In un primo momento il sentiero è molto piacevole, le curve sono ampie tanto da sembrare colpi di pennello che attraversano la macchia mediterranea, al contempo alcuni saltini ben piazzati mantengono vivo il divertimento. Ben presto le cose cambiano, il sentiero diventa ancora più ripido e gli ostacoli diventano spessi e tecnicamente impegnativi. A metà strada abbiamo incontrato un altro ciclista e dopo un breve scambio di parole abbiamo capito di essere sul DH uomini, il sentiero di downhill usato per le competizioni maschili. E’ una discesa dura, probabilmente avremmo apprezzato di più l’altro sentiero, meno impegnativo, il DH donne, ora facilmente riconoscibile sul fianco della collina di rimpetto a noi, sicuramente più commensurabile alla nostra abilità. Ad ogni modo è stata un’esperienza grandiosa, non capita tutti i giorni la possibilità di mettere le ruote su un trail dell’enduro world series. Una volta raggiunto il viale del lungo mare siamo ritornati in scioltezza verso Finale Ligure, dove ancora una volta abbiamo ritrovato Ilaria. Avendo a disposizione poco meno di due ore abbiamo passato la maggior parte del tempo sulla spiaggia, Ila e Clava hanno colto l’occasione per fare il primo bagno in mare della stagione, mentre io e Mullez abbiamo preferito rilassarci brandendo una Moretti da 66 cl. Durante il ritorno verso Milano il treno era piuttosto affollato, la situazione è peggiorata dopo che siamo stati costretti a trasbordare su un treno di fortuna in seguito a un guasto. Infine, tutto sommato, il viaggio non è stato così male, le tre ore sono passate veloci tra qualche chiacchera e uno spuntino improvvisato, imbastito con le ultime scorte di cibo recuperate dal fondo dei nostri zaini. Ci siamo salutati prima che il treno entrasse a Milano centrale, una volta in stazione tutti sono scattati come molle per cercare di prendere la coincidenza con il treno successivo. Io ho deciso di passare la notte a Milano, così ho aspettato che la folla accalcata sulla banchina defluisse prima di rimettere il culo sulla sella e scivolare lentamente verso casa. Sulla via del ritorno mi sono divertito a pensare quanto sia buffa la nostra esistenza, la mattina ero disperso nelle alpi liguri, appena alcune ore più tardi stavo percorrendo con una trail bike una delle strade principali della più grande area metropolitana d’Italia. Ero completamente distaccato dalla realtà, in quel momento ho avuto modo di osservare le cose da un punto di vista privilegiato, conscio del fatto che l’opportunità si presenta assai raramente. 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *