Words & Pictures by Roberto “ventoinfacciagigisabanisettebellezzeuranuran” Contessa

 

Day 1 (Galway – Clifden / 91Km / Sun is shining on the beginners).

We reached Ireland yesterday night, with our boxes full of bike components (which only Odin knew if will be assembled again in the right order), dreams, and a lot of doubts on what we would have found here in Ireland.

Hosted by a friend we spent some hours to get ready for the start of our trip, we assembled our bikes and drank some Irish whisky in  order to enter in the right mood, it was very late when we went to sleep.

Now I’m on a train with Fisto, our bikes seems to be ready to do their job, we left Dublin in the morning directed to the West coast, Galway. Out of the window we see dark skies and a lot of rain, we start to think will be an hard job to bring our skin back to Italy.

Luckily when we reach the destination train station the rain magically stops, temperature is low but we are well equipped and after few kilometers we realized is not so bad as it seemed, the first part is on the road which runs West on the Atlantic coast, we have to go fast because we have only half a day to reach Clifden, after few adjustments on bikes set-up and a quick lunch break we start to face wild and  boundless views which will accompany us during the whole trip.

Passing through the moorland which is between us and our first destination sun is beating our faces, is sometimes hot and we are happy! Not so much wind…the beginning is very good!!…we reach Clifden quite early and we have time to enjoy the evening life in the pubs…beer beer beer whisky whisky whisky. Maybe too much, At least for me… for more info about my impact with local life see beginning of day 2…….

Day 1 (Galway – Clifden / 91Km / Sun is shining on the beginners).

Siamo arrivati in Irlanda ieri sera, con i nostri scatoloni pieni di componenti di biciclette (che solo Odino sa se saranno montati di nuovo nel giusto ordine), di sogni, e di un sacco di dubbi su quello che avremmo trovato qui in Irlanda.

Ospitati da un amico abbiamo trascorso qualche ora a prepararci per l’inizio del nostro viaggio, abbiamo montato le nostre biciclette e bevuto un po’di whiskey irlandese per entrare nella giusta atmosfera, era già molto tardi quando siamo andati a dormire.

Ora sono su un treno con Fisto, le nostre bici sembrano essere pronte a fare il loro lavoro, abbiamo lasciato Dublino questa mattina diretti verso la costa occidentale, Galway. Fuori dai finestrini si vede un cielo scuro e un sacco di pioggia, cominciamo a pensare che sarà un duro lavoro riportare la nostra pelle in Italia.

Per fortuna, quando raggiungiamo la stazione di destinazione smette di piovere magicamente, la temperatura è bassa, ma siamo ben attrezzati e dopo pochi chilometri ci rendiamo conto che non è così male come sembrava. La prima parte la facciamo sulla strada che corre verso ovest sulla costa atlantica, dobbiamo andare veloci perché abbiamo solo una mezza giornata per raggiungere Clifden, dopo alcuni aggiustamenti sul set-up delle bici e una breve pausa pranzo iniziamo ad affrontare i paesaggi selvaggi e sconfinati che ci accompagneranno durante tutto il viaggio.

Passando attraverso la brughiera che è tra noi e la nostra prima destinazione il sole ci batte in faccia, è a volte caldo e siamo felici! C’è poco vento … si comincia bene !! … Raggiungiamo Clifden abbastanza presto e c’è tutto il tempo di godersi la vita serale nel pub … birra birra birra whisky whisky whisky. Forse troppo, almeno per me … per ulteriori informazioni circa il mio impatto con la vita locale vedere l’inizio del giorno 2 …… ..

map day 1

 

Day 2 (Clifden – Galway / 110Km / The morning of walking deads).

I wake up like a zombie, head ache, ok first lesson learned.

We left early in the morning Clifden for our ride in the Connemara park, we went through the “sky road” which goes all around the coast of a small peninsula looking at the ocean, spectacular views, is sunny…very pleasant weather, seems strange, we know that Karma will ask back something at a certain time, but we don’t care and enjoy these moments.

We are riding through spectacular environments, a lot of sheeps, also if we are on a “main road” few cars are passing by. After few kilometers we go up on a mountain of the Connemara park on a dirty road, is quite steep for our bikes but gives us the possibility to have a larger view of the place…spectacular.

We continue through the road that will lead us to Galway, we are Me, Fisto, and my head ache again. And due to the fact everything is going too well we decide to follow a track trough the fields and the marshes where animals are eating the fresh Irish grass, not really a good idea if you have to go in a defined place…but finally is a nice experience to push your bike with mud all over  without knowing if you will end in a known place or in a mobile sands pit where you can get stuck, and die, eaten by a carnivore donkey.

After couple of minutes in the fields we go back on the road, Fisto wash his bike in a lake and we continue down to Galway, we are tired…is a couple of days we don’t sleep too much, and reached Galway we have only the force do eat something, drink a beer…and then go to bed.

Day 2 (Clifden – Galway / 110Km / The morning of walking deads).

Mi sveglio come uno zombie, mal di testa, ok prima lezione imparata.

Partiamo  la mattina presto da Clifden per il nostro giro nel parco Connemara, passiamo attraverso la “sky road”, che va tutto intorno alla costa di una piccola penisola affacciata sull’oceano, una vista spettacolare, c’è il sole … il tempo è molto piacevole, sembra strano , sappiamo che il Karma ci chiederà indietro qualcosa prima o poi, ma non ci interessa e ci godiamo questi momenti.

Pedaliamo attraverso scenari spettacolari, un sacco di pecore, anche se siamo su una “strada principale” passano poche macchine. Dopo pochi chilometri saliamo su una montagna del parco Connemara da una strada sterrata, è piuttosto ripida per le nostre biciclette, ma così possiamo avere una visione più ampia del posto … spettacolare.

Proseguiamo per la strada che ci porterà a Galway, siamo Io, Fisto, e il mio mal di testa….ancora. Visto che tutto sta andando troppo bene decidiamo di seguire una traccia attraverso i campi e le paludi dove gli animali si stanno ingozzando di erba fresca irlandese, non è proprio una buona idea se dovete andare in un luogo definito … ma alla fine è una bella esperienza spingere la vostra bici con fango dappertutto senza sapere se vi ritroverete in un luogo conosciuto o in una buca di sabbie mobili dove si può rimanere bloccati, e morire, mangiati da un asino carnivoro.

Dopo qualche tempo nei campi arriviamo di nuovo sulla strada, Fisto lava la sua bici in un lago e continuiamo fino a Galway, siamo stanchi … è un paio di giorni che non si dorme troppo, e raggiunta Galway abbiamo solo la forza di mangiare qualcosa, bere una birra … e poi andare a letto

map day 2

 

Day 3 (Galway – Kilrush / 139Km /Ice on the face is better than chili in the ass).

Today I’m in the best conditions I’ve ever seen since I’m in Ireland, as soon as we left Galway to proceed south following the coastline I realized that the weather is turning Irish finally !!! Karma begins to ask back something…

We face for the first time the thing we can call “the terrible black fucking freezing breeze of the goddamn storm”…the first time we didn’t know the meaning of this sign from the skies. Soon we realize that every time it comes is followed by a storm of freezing water or hail coming down horizontally accompanied by cold wind, luckily for this kind of rain you don’t need a roof. We repair on the back wall of a church. Is early morning… God help us. Please.

Weather is very variable, but when we took the Atlantic coast road in Ballyvaughan at least one constant is introduced, the wind. Strong wind coming from the ocean. We are entering “the Burren”, on our left there’s a big mountain without any plant or grass which falls into the ocean like a big rocky whale. Sometime is hard to go against the wind but after passing by the small white lighthouse on the cape which bends the road to south is a little better.

The land here is like a puzzle: stones, grass, ocean and the blue skies dotted by white and gray clouds are creating always different pictures where I get lost.

We reach the Cliffs of Moher. Huge steps which giants can use to get out from the ocean after their bath, people on the top seems like small particles of sand, impressive, wind here is literally blowing us away!! Is hard to manage our bikes and not get blown into the grass fields down the descent, we stops for some touristic photos.

The rest of this day proceeds in these lands taken out from ancient knights tales, sometimes the freezing wind comes and bring some hail which hit our faces hard, but the sun comes just later and reset everything to normality.

We reach Kilrush late in the evening, a very small city, eat and drink in a pub with our bike clothes, then go to a pub of the workers of the only local factory. They all looked at us like we were aliens, then come back to their silence and their glasses full of beer.

Day 3 (Galway – Kilrush / 139Km /Ice on the face is better than chili in the ass).

Oggi sono nelle migliori condizioni che abbia mai visto da quando sono in Irlanda, non appena lasciamo Galway per procedere verso sud seguendo la linea costiera mi rendo conto che il tempo sta diventando irlandese finalmente !!! il Karma comincia a chiedere indietro qualcosa …

Ci troviamo per la prima volta di fronte la cosa che possiamo definire “la terribile ghiacciata fottuta brezza nera della tempesta maledetta” … la prima volta non conoscevamo il significato di questo segno del cielo. Ben presto ci rendiamo conto che ogni volta che si presenta è seguita da una tempesta di acqua gelida o grandine che scende orizzontalmente accompagnata da vento freddo, per fortuna per questo tipo di pioggia non hai bisogno di un tetto. Ci ripariamo dietro la parete di fondo di una chiesa. E ‘mattina presto … Dio aiutaci. Per Favore.

Il tempo è molto variabile, ma quando prendiamo la strada sulla costa atlantica a Ballyvaughan almeno si introduce una costante, il vento. Vento forte proveniente dall’oceano. Stiamo entrando nel “Burren”, alla nostra sinistra c’è una grande montagna, senza alberi e erba che cade nell’oceano come una grande balena di roccia. A volte è difficile procedere contro il vento, ma per fortuna dopo aver superato il piccolo faro bianco sul promontorio che piega la strada verso sud diventa un po’ meglio.

La terra qui è come un puzzle: i sassi, l’erba, il mare e il cielo azzurro punteggiato da nuvole bianche e grigie creano immagini sempre diverse , in cui mi perdo.

Raggiungiamo le scogliere di Moher. Enormi gradini che i giganti usano  per uscire dal mare dopo aver fatto il bagno, la gente in alto sembra come granelli di sabbia, impressionante, il vento qui ci soffia via.. letteralmente!! E ‘difficile gestire i nostri mezzi lungo la discesa e non farci buttare nei prati, ci si ferma per qualche foto turistica.

Il resto della giornata procede in questi paesaggi rubati ad antichi racconti cavallereschi, a volte il vento gelido ritorna e porta un po’ di grandine che ci sbatte forte in faccia, ma il sole arriva poco più tardi e fa ritornare tutto alla normalità.

Arriviamo a Kilrush a tarda sera, un paesino molto piccolo, mangiamo e beviamo in un pub senza neanche cambiarci, poi andiamo in un pub dei lavoratori dell’unica fabbrica locale. Tutti ci guardano come se fossimo alieni, poi tornano al loro silenzio e ai loro bicchieri pieni di birra.

map day 3

 

Day 4 (Kilrush – Kenmare / 125Km / The gap of your mother).

We wake up in a very unpleasant weather, starts and stops to rain, we have a ferry to take to cross the gulf is dividing Clare County to Kerry.

We chew  the 10Km to the starting point of ferry, we find on our road the big factory which is probably producing all clouds are over our heads, and a graveyard ripped in two by the road, strange feelings today. Is cold.

The boat takes us to Tarbert, we start pedaling fast, our goal is to do as quickly as possible some kilometers in order to get to the nicer point of today’s route. Is raining often, and we soon get wet and we need to speed up not to get too cold.

After some kilometers on a main road we deviate into the countryside and we get lost on some hills that we have to cross to go south, road signs are indicating “abbeyfeales” which in our Cani sciolti official language seems like “Abbi Fails”…so “Have fails”…so…”Epic fails”…so…you know what I mean!

Rain continue to fall periodically, Is sometimes very cold and wind is always against us, finally we saw at the horizon the Gap of Dunloe, a narrow passage through the mountains of Kerry peninsula, their top are whitened with snow…. Wait….snow??! We are already tired.

We entered the narrow valley and we soon find out that this is a real climb, surroundings become more and more epic and desolated, there Is a strong wind comes down from the top, and the ascent is difficult, it seems to be in a fantasy movie, some small lakes are trying to suck the mountains into the middle of the earth, we escape though a street seems like a snake climbing the hill while sheeps, which here seems less nice than other days, look at us suspiciously.

After some more steps up in these wonderful and scaring landscape we reached the top and we find a sign:  “WELCOME TO THE BLACK VALLEY”.

We go down always against the wind in a Giant round hole in the middle of nowhere. No houses, no people, nothing. We proceed carefully while we realize that this is not what we were expecting looking on the map.

After few miles in the valley we saw that to proceed for our final destination we had to climb again another wall of rock. Very steep, my knee is burning (I’ll find out later that is a quite serious thing), some showers are passing by and to the difficulties is added a strong cold wind comes down from the mountain. Finally we reached the top of this unreal rocky valley, it was fucking hard! But we did it.

The descent is dangerous due to the wind that try to blow us away, Fisto sing songs for Anubi the whole time. Some kilometers again and we are in Kenmare. Finally. Some Rest. We are destroyed.

Day 4 (Kilrush – Kenmare / 125Km / The gap of your mother).

Ci svegliamo in un clima davvero pessimo, inizia e smette di piovere, abbiamo un traghetto da prendere per attraversare il golfo che divide la contea di Clare da quella di Kerry.

Mastichiamo i 10 km fino al punto di partenza del traghetto, troviamo sulla nostra strada la grande fabbrica che sta probabilmente producendo tutte le nuvole che ci sono sopra le nostre teste, e un cimitero squarciato in due dalla strada, strane sensazioni oggi. È freddo.

La barca ci porta a Tarbert, cominciamo a pedalare veloce, il nostro obiettivo è quello di fare il più rapidamente possibile alcuni chilometri, così da arrivare al punto più bello della tappa di oggi. Piove spesso, e ci bagnamo subito, dobbiamo accelerare per non prendere troppo freddo.

Dopo alcuni chilometri su una strada principale deviamo nella campagna e ci perdiamo su alcune colline che dobbiamo attraversare per andare a sud, la segnaletica stradale indica  “Abbeyfeales” che nella lingua ufficiale dei Cani Sciolti sembra come “Abbi Fails” … quindi “Have Fails” … quindi … “Epic fails” … quindi … si capisce cosa intendo…!

La pioggia continua a cadere di tanto in tanto, a volte è molto freddo e il vento è sempre contro di noi, finalmente vediamo all’orizzonte il Gap of Dunloe, uno stretto passaggio attraverso le montagne della penisola di Kerry, le cime sono imbiancate di neve …. Aspetta … .neve??! Siamo già stanchi.

Entriamo nella angusta valle e ben presto scopriamo che si tratta di una vera e propria salita, l’ambiente diventa sempre più epico e desolato, c’è un forte vento scende dalla cima,  la salita è difficile, sembra di essere in un film fantasy, alcuni laghetti cercano di risucchiare le montagne al centro della terra, noi scappiamo da una strada che sembra un serpente che sale sulla collina, mentre le pecore, che qui sembrano meno belle rispetto ai giorni passati, ci guardano con sospetto.

Dopo ancora un po’ di strada su per la valle in questi paesaggi meravigliosi e spaventosi raggiungiamo la cima e troviamo un cartello: “WELCOME TO THE BLACK VALLEY”.

Scendiamo sempre contro vento in un gigantesco buco rotondo nel bel mezzo del nulla. Niente case, nessuna persona, nulla. Procediamo con attenzione mentre ci rendiamo conto che questo non è quello che ci aspettavamo guardando la mappa.

Dopo poche miglia nella valle vediamo che per procedere verso la nostra destinazione finale dobbiamo salire di nuovo un altro muro di roccia. Molto ripida, il mio ginocchio sta bruciando (scoprirò più tardi che è una cosa preoccupante), alcuni rovesci ci passano sulla testa e alle difficoltà si aggiunge un forte vento freddo che scende dalla montagna. Finalmente raggiungiamo la cima di questa surreale valle rocciosa, è stata dura cazzo! Ma ce l’abbiamo fatta.

La discesa è pericolosa a causa del vento che ci cerca di abbattere, Fisto canta canzoni ad Anubi per tutto il tempo. Qualche chilometro ancora e siamo a Kenmare. Finalmente. Un Po’ Di Riposo. Siamo distrutti.

map day 4

 

Day 5 (Kenmare – Cork /  110Km / Let’s engineers do their job).

Today was planned to do 160Km…but looking at my conditions (i’m lame) and the yesterday’s stage we cut a piece of road and we find, looking one minute on the map, another way form Kenmare to Cork.

Seems to be a quite easy road, exactly what we want today!!

I start very slow the first kilometers until we found, after crossing a little river, that we have to go through the first mountain…Let’s call it the Engineer valley…here a road probably designed by an old experienced Harvard student goes up smoothly…is a pleasure to pedal up on this hill…the temperature is perfect and, for the first time in this holiday, we take out our jackets, I’m very relaxed, and Fisto too…it is beautiful…

Just before the top we have to put on our jackets again because the freezing wind re-appear and bring with him a huge hail and water storm, we reach the top totally wet…ok, the relax was short, but intense.

We descend the other side with the hands like an ice block due to the wet gloves. After another small smooth part starts a circle of hell made of hills, one after the other, up and down, up and down…I don’t know how much they are…but if you sum the whole elevation gain probably is better to go on the top of Stelvio pass.

One of those in particular is so steep that we have to push our bikes…on the top, we stop…we need to reintegrate. Bananas and whisky. Yes! We have a metal flask full of Jameson that our friend gave us for this hard times…is our salvation.

We continued like that, up and down, up and down, up and down…fuck. This street is definitely not been designed by an engineer. At all.

Luckily when we get near to the city, hills are a little bit smoother, we get into Cork and go straight to the pub, as always, this is a tradition…why go against tradition? Tonight we are hosted by a friend and tomorrow is a transfer day.. let’s party!

Day 5 (Kenmare – Cork /  110Km / Let the engineers do their job).

Oggi era stato previsto di fare 160 km … ma guardando alle mie condizioni (sono zoppo) e la tappa di ieri abbiamo deciso di tagliare un pezzo di strada e, guardando un minuto la carta, troviamo un altro modo per andare da Kenmare a Cork.

Sembra essere una strada abbastanza semplice, esattamente quello che vogliamo oggi !!

Comincio molto piano i primi chilometri finché non vediamo, dopo aver attraversato un piccolo fiume, che dobbiamo passare attraverso la prima montagna … Chiamiamola la valle dell’Ingegnere… qui una strada probabilmente progettata da un vecchio esperto studente di Harvard sale dolcemente … è un piacere pedalare su questa collina … la temperatura è perfetta e, per la prima volta in questa vacanza, ci togliamo le nostre giacche, sono rilassatissimo, e anche Fisto … è tutto bello …

Poco prima della cima dobbiamo rimettere i nostri giubbotti  perché il vento gelido riappare e porta con sé secchiate di grandine e pioggia, raggiungiamo la cima completamente bagnati … ok, il relax è stato breve, ma intenso.

Si scende dall’altro lato con le mani come un blocco di ghiaccio a causa dei guanti bagnati. Dopo un’altra piccola parte liscia inizia un girone infernale fatto di colline, una dopo l’altra, su e giù, su e giù … non so quante siano … ma se si somma l’intero dislivello probabilmente è meglio andare in cima allo Stelvio.

Una di queste in particolare è così ripida che dobbiamo spingere le  bici … in cima, ci fermiamo … abbiamo bisogno di reintegrare. Banana e whiskey. Sì! Abbiamo un fiaschetto di metallo pieno di Jameson che il nostro amico ci ha dato per questi tempi duri … è la nostra salvezza.

Continuiamo così, su e giù, su e giù, su e giù … cazzo. Questa strada non è sicuramente stata progettata da un ingegnere. Decisamente.

Per fortuna quando arriviamo vicino alla città, le colline sono un po’ più dolci, entriamo in Cork e andiamo dritti al pub, come sempre, è una tradizione … perché andare contro le tradizioni? Stasera siamo ospitati da un amico e domani è una giornata di trasferimento .. let’s party!

map day 5

 

Day 6 (Carlow – Dublin /  110Km / I wanna be a bucoholic).

The transfer day have not been as planned…due to the fact Irish public transport, especially if you are travelling by bike, are a total nightmare!! Trains has only few places for bikers,  sometimes 2 per train, and if you have not booked them, they are already taken and you’re fucked up. So we have found some buses and we traveled for a lot of hour to reach the sparkling….or better…the shining…no no no ….the international…mmh…the hyperbolic. CARLOW. (from the Irish: “the cattle place”).

After a night spent with cattle buyers and some Nerds of the local technology institute we live from there with the intention to cross Wicklow mountains and reach Dublin through the old military road.

We first pass in the countryside to reach the first hills, there are two quite big to climb before to arrive to the real mountains. The first is a long slope but not very steep for someone used to climb the alps, we pass through a valley which at the end shows a waterfall and a brown river which seems not made by water but by stout beer.

This tickles my alcoholic imagination.

After the climb of the second hill similar to the first we reach the beginning of the mountain,.. we were expecting this to be the hardest stage of the trip, but we found that after the first part, the road stops to go up, and there is a large plateu…bucolic…a cold breeze continue to freeze our ears…while the absolute absence of life is surrounding us. I feel sometimes alone in the middle of this world full of nothing.

The only sign of life we find is a snail black like liquorice and a Christmas tree… we have to settle…

Reached the highest point of this plateau, the Sally gap, we stop for a while to finish our whisky, passing hours in this place you can become mad I think…if you’re not yet.

We go a little bit down in the valley then up again and then we start the final descent to Dublin since we finally see, after a bend on the road, the city at the horizon.

This is the end of my first bike trip, I don’t know if pictures will give you the idea, but we’ve found impressive landscapes, the weather is still the boss in the green country, you feel the real power of mother nature…people are awesome and like to drink, eat and enjoy life like us…and first of all have a lot of  respect for cyclists…

I’ve spent a lot of time there, pedaling in the middle of nowhere, and I’m not sure I’m back yet…a part of me I think, is still blowing in the wind…

Day 6 (Carlow – Dublin /  110Km / I wanna be a bucoholic).

La giornata di trasferimento non è andata esattamente come previsto … a causa del fatto che il trasporto pubblico irlandese, soprattutto se si viaggia in bicicletta, è un vero incubo !! I treni hanno solo pochi posti per i ciclisti, a volte 2 per treno, e se non li hai prenotati prima, sono già occupati… e sei fottuto. Così abbiamo trovato alcuni autobus e abbiamo viaggiato per un sacco di ore per raggiungere la frizzante … .o meglio … la splendente … no no no … .l’internazionale … mmh … la iperbolica. CARLOW. (dall’irlandese: “Il luogo dove sta il bestiame”).

Dopo una notte trascorsa con compratori di vacche e alcuni Nerds dell’istituto di tecnologia locale ce ne andiamo con l’intenzione di attraversare le montagne di Wicklow e raggiungere Dublino attraverso la vecchia strada militare.

Per prima cosa passiamo nella campagna per raggiungere le prime colline, ce ne sono due abbastanza grandi da salire prima di arrivare alle vere e proprie montagne. Il primo è un lungo pendio ma non molto ripido per chi è abituato a scalare le Alpi, si passa attraverso una valle chiusa alla fine da una cascata e un fiume marrone che non sembra fatto d’acqua, ma di birra stout.

Questo solletica la mia immaginazione alcolica.

Dopo aver salito la seconda collina, simile alla prima, raggiungiamo l’inizio della montagna… ci aspettavamo che questo sarebbe stato il punto più difficile del viaggio, ma scopriamo che dopo la prima parte, la strada smette di salire, e entriamo in un grande altopiano … bucolico … una brezza fredda continua a congelarci le orecchie … mentre l’assoluta assenza di vita ci circonda. A volte mi sento da solo in mezzo a questo mondo pieno di nulla.

Gli unici segni di vita che troviamo sono una lumaca nera come la liquirizia e un albero di Natale … dobbiamo accontentarci …

Raggiunto il punto più alto di questo altopiano, il passo di Sally, ci fermiamo per un po’ per terminare il nostro whisky, passando ore in questo posto puoi diventare pazzo credo … se non lo sei già..

Andiamo un po’ giù nella valle, poi su di nuovo, e iniziamo la discesa finale a Dublino, fino a quando vediamo, finalmente, dopo una curva della strada, la città all’orizzonte.

Questa è la fine del mio primo viaggio in bicicletta, non so se le fotografie vi daranno l’idea, ma abbiamo trovato paesaggi impressionanti, il tempo è ancora il capo nel paese verde, si percepisce il vero potere di madre natura … la gente è divertente e le piace bere, mangiare e godersi la vita come noi … e prima di tutto hanno un grande rispetto per i ciclisti …

Ho passato molto tempo lì, a pedalare nel bel mezzo del nulla, e non sono ancora sicuro di essere tornato indietro … penso che una parte di me, continua a soffiare nel vento …

map day 6

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *